Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Il comportamento di Nardò, cittadina salentina, nell’immediato dopoguerra, quando diede assistenza a migliaia di ebrei «dimostrò quanto vivi fossero valori di umanità e di tolleranza radicati nell’antica civiltà della vostra gente». Lo ha scritto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ringraziando il sindaco di Nardò, Antonio Vaglio, per l’invito rivoltogli a partecipare oggi alla cerimonia di gemellaggio fra la città di Nardò e la città israeliana di Hof Hacarmel Atlit.
La città di Atlit fu l’approdo per i profughi che scelsero Israele per ricominciare a vivere: Nardò fu quella dalla quale migliaia di loro erano riusciti a imbarcarsi dopo essere scampati ai lager. Per questo Nardò ha ottenuto nel 2005 la medaglia d’oro al valore civile dal presidente della Repubblica Ciampi.
«I meriti della cittadinanza del Comune di Nardò, insignito dal presidente Ciampi con la medaglia d’oro al merito civile per l’assistenza prestata a migliaia di ebrei di diverse nazionalità, sopravvissuti ai campi di sterminio, mi sono – scrive nel messaggio Napolitano – ben noti. Il gemellaggio con la città israelitica di Hof Hacarmel Atlit costituisce un ulteriore, meritato riconoscimento per la popolazione della Città di Nardò, il cui comportamento dimostrò quanto vivi fossero valori di umanità e di tolleranza radicati nell’antica civiltà della vostra gente».
Nel messaggio il presidente della Repubblica chiede al sindaco «di voler trasmettere ai cittadini di Nardò» i suoi «sentimenti di amicizia ed ammirazione, e l’augurio che la cerimonia di gemellaggio con una città israeliana contribuisca alla diffusione, soprattutto fra le nuove generazioni, di una cultura dell’amicizia fra tutti i popoli».
Oltre al gemellaggio la cerimonia odierna prevede il conferimento della cittadinanza onoraria a Jakob Ehrlich, scampato ai campi di sterminio e giunto profugo a Nardò: la cittadinanza a lui viene data anche simbolicamente per intendere che essa è estesa a tutti gli ospiti del campo di accoglienza. previsti inoltre l’inaugurazione nella cittadina della mostra sulla Shoah promossa dall’assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia e un annullo filatelico speciale, dedicato all’evento, per cartoline e buste.

Fonte: Gazzetta on the web