Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Si firma oggi presso la Camera di Commercio di Brindisi, l'"Accordo di Cooperazione" per il progetto "Mare delle Aquile", approvato dalla Regione Puglia nel Pic Interreg III A 2000-2006 Italia/ Albania. "Il progetto mira a considerare le diverse destinazioni turistiche dell'area costiera che insistono nelle province di Brindisi, Bari e Lecce e le aree costiere dell'Albania situate nella zona di Durazzo, Valona fino al comprensorio di Saranda -spiega una nota- per promuovere lo sviluppo attraverso lo sviluppo e l'offerta di strumenti di analisi dei vantaggi competitivi, delle potenzialità e delle prospettive di miglioramento del comparto turistico marino, con un costante riferimento ai concetti di territorio e sostenibilità, quali elementi chiave del nuovo "prodotto turismo". Migliorare la competitività delle imprese delle località costiere -si aggiunge- costituirà un punto chiave per una filiera turistica che corrisponde alle caratteristiche dei territori e alle aspirazioni sociali di preservare l'ambiente culturale e naturale di luoghi ricchi di tradizioni, di bellezze paesaggistiche e di storia". "Nel campo del turismo, e in particolare livello di destinazioni costiere -si conclude- questo processo comporta una politica di gestione integrata che deve coinvolgere tutti i soggetti che operano sia nell'ambito dell'offerta turistica di base, sia in quello dei servizi secondari".

Fonte: Gazzetta di Brindisi (pag. 2)