Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Aspetti scientifici delle regole da adottare in materia di fitofarmaci impiegati in agricoltura: per tre giorni, dal 14 al 16 marzo, 53 ricercatori provenienti da Germania, Olanda, Francia, Gran Bretagna ed Italia approfondiranno in un workshop organizzato dall'IAM-B.

Le ricerche - spiegano gli organizzatori in una nota - si sono finora concentrate sulla valutazione degli effetti tossicologici di ciascuna sostanza inquinante studiata singolarmente mentre lo studio degli effetti ecotossicologici dell'insieme delle sostanze presenti nei fitofarmaci non e' stato approfondito. Per colmare questa lacuna, la Setac (Societa' europea di tossicologia e chimica ambientale) ha chiamato a raccolta un gruppo selezionato di chimici ambientali e giuristi per mettere a punto protocolli di studio per la valutazione del rischio negli ecosistemi acquatici, da inserire nelle attuali procedure legali di autorizzazione e controllo degli agrofarmaci.

I lavori si svolgeranno in due tempi. Un primo workshop si terra' all'Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari del Ciheam; un secondo si terra' alla fine di settembre nell'Universita' di Wageningen, in Olanda, per definire gli orientamenti scientifici da sottoporre all'esame dei legislatori nazionali, al fine di adeguare le procedure di registrazione dei prodotti fitosanitari.

Ad accogliere gli ospiti all'Iam di Bari, alle ore 13 del 14 marzo, sara' il direttore, Cosimo Lacirignola. I lavori proseguiranno per tutto il pomeriggio e la giornata di giovedi', per concludersi nel pomeriggio di venerdi' con l'approvazione di un documento guida al quale i partecipanti, nei prossimi mesi, potranno suggerire miglioramenti in vista dell'approvazione, a Wageningen, del documento finale.

Fonte: ANSAmed.