Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Le autorita' di Tirana e la Commissione Europea hanno raggiunto, dopo la conclusione dei negoziati avviati lo scorso dicembre, un preaccordo che prevede la facilitazione delle procedure per il rilascio, ai cittadini albanesi, dei visti di entrata nei paesi dell'UE.

Le nuove misure dovrebbero entrare in vigore il prossimo autunno, dopo la loro approvazione da parte del Consiglio dei ministri dell'Ue e anche dal governo albanese.

L'accordo prevede la riduzione delle tariffe (gratis per gli studenti ed i pensionati) e dei tempi per il rilascio dei visti, procedure piu' semplici per gli imprenditori, artisti, ricercatori scientifici e studenti, categorie che potranno avere visti con piu' entrate.

Questa decisione ''e' un primo passo verso la totale liberalizzazione'', si legge in un comunicato diffuso dalla delegazione della Commissione europea a Tirana dove viene sottolineato che ''prima di arrivare al movimento libero, senza visto dei loro cittadini, i paesi della regione balcanica devono migliorare in modo sostanziale, le loro capacita' nella lotta al crimine organizzato, alla corruzione e ai traffici dei clandestini, nonche' rafforzare il controllo delle proprie frontiere a la sicurezza dei documenti di identita'''.

Fonte: ANSAmed.