Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}''La Romania, con l'ingresso in Ue, e' diventata uno dei piu' importanti partner dell'Italia e della Puglia, la cui politica d'internazionalizzazione e cooperazione e' ormai costante''. Lo ha sottolineato il vicepresidente della Regione Puglia, Sandro Frisullo,

partecipando oggi a Bari, con l'assessore al mediterraneo, Silvia godelli, al seminario sul tema Romania: opportunita' e prospettive dopo l'ingresso nell'Unione europea organizzato dagli assessorati regionali allo Sviluppo economico e al Mediterraneo.

''Vi sono relazioni importanti con l'area dei Balcani ed oggi - ha spiegato Frisullo - facciamo questo seminario per intensificare i rapporti con la Romania, partendo da quelli commerciali, visto che ci sono investimenti consistenti in quel Paese da parte delle nostre imprese.
C'e' la possibilita' d'intensificare le relazioni e i rapporti produttivi soprattutto in alcuni settori come l'agroindustria, il tessile, l'abbigliamento, il calzaturiero e la meccanica. Una grande opportunita' di modernizzazione di quei territori e di crescita per la nostra economia''.

Un'opportunita' che, per l'assessore al Mediterraneo, Silvia Godelli, e' stata colta: ''Il sistema balcanico - ha detto Godelli - e' una straordinaria realta' di sviluppo e tra la Romania e la Puglia ci sono strette analogie territoriali.

E' quindi naturale avviare un percorso di cooperazione e d'interazione su affinita' come le eccellenze agroalimentari che diano opportunita' di sviluppo alla piccola e media impresa di entrambi i territori''.

Fonte: ANSAmed.