Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Il Governo nella riunione del Consiglio dei Ministri del 5 aprile 2007 ha approvato un disegno di legge delega per riformare il settore della cooperazione dell’Italia con i Paesi in via di sviluppo.

La riforma tiene conto degli assetti normativi internazionali profondamente mutati dal 1987, anno in cui l’Italia si dotò della legge in materia tuttora in vigore. Coerentemente con la qualificazione della cooperazione allo sviluppo quale parte integrante della politica estera italiana, il disegno di legge detta criteri di delega che ne caratterizzano maggiormente assetti e originalità. Il provvedimento prevede, tra l'altro, che il ministero degli Esteri assuma la responsabilità dell'indirizzo politico sull'intera materia e l'istituzione di una Agenzia per la cooperazione allo sviluppo. La nuova Agenzia, ente di diritto pubblico, dovrà essere in grado di operare con speditezza, tempestività e nella massima trasparenza, oltre a garantire l'efficacia e l'efficienza degli interventi.

http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/cooperazione_sviluppo/index.html

fonte: www.governo.it