Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Su invito del Ministero degli Affari Esteri italiano, una delegazione dell’Iraq, guidata dal Ministro della Pianificazione e Cooperazione Internazionale, Ali Ghalib Baban, visiterà sabato 12 maggio l’Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari del Ciheam.
La delegazione, che è particolarmente interessata a visitare le aziende pugliesi di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, sarà accolta dalla vice Presidente del Ciheam, Giuliana Trisorio Liuzzi e dal direttore dell’Iam di Bari, Cosimo Lacirignola.

Durante la visita saranno illustrate le attività dell’Istituto e alcune azioni di cooperazione realizzate nei Paesi mediorientali. La delegazione visiterà, inoltre, la Fiera del Levante ed alcune aziende agricole della provincia barese. Scopo principale della visita è conoscere la struttura organizzativa di alcune società della Puglia di produzione, stoccaggio e trasformazione di prodotti frutticoli per farne un modello di riferimento nella costruzione di analoghe strutture in Iraq.

Questa visita rappresenta il primo incontro tecnico dopo le conferenze sull’Iraq, tenutesi il 3 ed il 4 maggio scorsi a Sharm el Sheik, che hanno riunito Paesi e Organismi donatori impegnati nella ricostruzione e nello sviluppo del Paese.
Il ministro iracheno ha espressamente chiesto di poter conoscere una realtà agricola, come quella pugliese, la cui organizzazione produttiva e le ampie aree di coltivazione possono rappresentare un valido modello a cui ispirarsi durante le fasi di ricostruzione e sviluppo dell’Iraq, auspicando l’assistenza ed il supporto tecnico delle istituzioni pugliesi.

Fonte: Gazzetta on the web