Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

 {mosimage}E' destinata alle autorita' istituzionali e ai rappresentanti dell' Italia e dei Paesi balcanici che si affacciano sull'Adriatico la conferenza internazionale di lancio del progetto Interreg IIIA - transfrontaliero adriatico Pearl.Eu.
(Piattaforma per migliorare le relazioni all'interno della Regione adriatica in Europa),
in programma il 18 maggio a Lecce nell'ex Convento dei Teatini. Il progetto vede il coinvolgimento del Comune di Lecce (lead partner), della Regione Puglia, delle Province di Bari e di Brindisi, dei Comuni di Monfalcone (Gorizia), Tavagnacco (Udine), Trieste, Udine, Ravenna e Bari e delle municipalita' dei Paesi balcanici partner Croazia, Bosnia-Erzegovina, Serbia-Montenegro e Albania.

Il progetto Pearl.Eu e' finalizzato alla cooperazione tra gli enti locali del cosiddetto 'bacino adriatico' per armonizzare sistemi di gestione dell'ente pubblico e alla promozione del dialogo con i cittadini nell'intento di contribuire alla formazione di una euroregione adriatica.

Obiettivo strategico del progetto sara' la costituzione di un gruppo di lavoro permanente tra enti locali e balcanici e le Agenzie di democrazia locale. In particolare, si punta alla individuazione di standard comuni nel sistema degli enti locali dei Paesi dell'Adriatico, al superamento delle barriere giuridiche, amministrative, linguistiche e culturali, al miglioramento del flusso informativo, allo scambio di professionalita', soluzioni e progettualita' e al rafforzamento di strutture partenariali.

Fonte: ANSAmed.