Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}''Italia e Albania lavorano insieme per creare sicurezza, per creare nuove opportunitaà di sviluppo economico e soprattutto nella prospettiva di un'integrazione dell'Albania, di tutti i Balcani occidentali nell'Unione Europea''. E' quanto ha affermato il ministro degli Esteri, Massimo D'Alema,

 a conclusione del vertice fra rappresentanti dei governi italiano e albanese svoltosi a Bari su iniziativa della Regione Puglia.

D'Alema ha tracciato un bilancio positivo della giornata di lavoro di Bari.

''E' stata una mattinata molto interessante - ha commentato - perche' non ha avuto un carattere formale: è stata una discussione vera durante la quale sono stati affrontati i problemi, i problemi dello sviluppo economico, in particolare il tema assolutamente strategico dell'energia, dell'integrazione delle reti, della produzione di energia e il problema della sicurezza, della lotta alla criminalità'''.

''C'e' stato anche - ha detto - un certo dibattito nel senso che abbiamo sentito anche accenti diversi, e alla fine, abbiamo firmato accordi necessari per lavorare insieme''. Quindi, secondo D'Alema, è stata quella di oggi ''una mattinata molto proficua, una vera riunione intergovernativa che si completerà con un incontro bilaterale con il ministro degli Esteri dell'Albania in arrivo a Bari da Bruxelles dove è andato per un incontro con la Nato''.

''Sul tema energia i Balcani sono una grandissima opportunità''. I Balcani secondo D'Alema ''hanno la possibilita' di sviluppare produzione di energia da fonti rinnovabili, in particolare idroelettrico'', e questo e' ''un grande contributo a ridurre la dipendenza dell'Europa dal petrolio e dal gas''.

''Noi - ha aggiunto il ministro degli Esteri - vogliamo contribuire con forti investimenti. Naturalmente l'interconnessione delle reti e' una delle condizioni perche' questi investimenti generino profitto''. In questo senso, secondo D'Alema, ''ci sono veramente prospettive molto interessanti, che non a caso hanno attratto qui a Bari uno dei principali dirigenti di Confindustria, il dottor Guidi.

Ma noi sappiamo che c'è' un interesse anche da parte dell'Enel''. ''Sono prospettive interessanti di sviluppo economico - ha concluso D'Alema - con vantaggi, ovviamente, anche per il nostro paese. C'e' un vantaggio per tutti, sia per loro che per noi''.

Fonte: ansamed.

{mosimage}