Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Due accordi di collaborazione sono stati siglati a Bari a conclusione del vertice Italia-Albania, che si è tenuto su iniziativa della Regione Puglia, e al quale hanno partecipato rappresentanti dei governi dei due Paesi.

Il ministro degli Esteri italiano, Massimo D'Alema, e il ministro dell'Interno della Repubblica di Albania, Nishani, hanno siglato un accordo di collaborazione nel settore della Polizia.

Il sottosegretario allo Sviluppo economico, on.Alfonso Gianni, e il viceministro dell'Economia e Energia albanese, Eno Bozdo, hanno invece sottoscritto una dichiarazione di intenti sul tema dell'energia.

Nel primo caso si tratta di un accordo istituzionale, nel secondo l'accordo istituzionale, come ha spiegato l'assessore al Mediterraneo della Regione Puglia Silvia Godelli, ''supporta una serie di iniziative e di intese che sono gia' in corso tra grandi investitori italiani, tutti quotati in Borsa nel settore energia, e il governo albanese, per attivare sia le iniziative di produzione energetica che le iniziative di distribuzione energetica''.

''Questo - ha precisato Godelli - riguardera' anche altri Paesi confinanti con l'Albania e ci sara' anche una possibilita' di apporto di risorse energetiche in Italia per il sovrappiu' che si andra' a produrre li' dove c'e' moltissima possibilita' nel campo idroelettrico, oltre che in altri campi di energie rinnovabili, quali l'eolico e il fotovoltaico''.

''Ci sara' inoltre - ha concluso l'assessore pugliese - per la parte di produzione eccedente il fabbisogno dell'area dei Balcani occidentali, la possibilita' di collegamento attraverso cavi sottomarini che apportino risorse energetiche anche in Italia''.

Fonte: ANSAmed.

{mosimage}