Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Si è svolta, nei giorni scorsi, presso la Presidenza dell'Amministrazione provinciale di Brindisi, la visita di una delegazione russa guidata dal professor Alexander Logunov, preside della Facoltà di Scienze politiche dell'Università di Mosca. Obiettivo della visita, verificare le possibili integrazioni normative e merceologiche, tra il sistema agroalimentare russo e quello italiano, con particolare riferimento al settore brindisino.
Ad accogliere la rappresentanza russa, il vice presidente della Provincia, Damiano Franco; l’assessore provinciali alle Politiche comunitarie, Lorenzo Cirasino; l’assessore alle Politiche del Lavoro, Concetta Somma, e il presidente della Cittadella della Ricerca, Vitantonio Gioia.
"Questa visita – ha dichiarato il vice presidente Franco – rappresenta un'occasione importante che ci consente di sviluppare quell'aspetto del programma dell'Amministrazione provinciale, riguardante l'inserimento della Provincia di Brindisi nel circuito internazionale. La problematica dell'agroalimentare è per noi di estremo interesse in quanto il nostro territorio è particolarmente vocato all'agroindustria e la possibilità di scambi con la Russia è certamente un'opportunità da non perdere. Auspico che, l'incontro di oggi, sia il primo di una lunga serie in quanto i nostri due territori hanno molti punti in comune".
Il vice presidente ha poi sottolineato come questi scambi debbano anche riguardare il settore dell'innovazione e della conoscenza, attraverso appositi contatti tra l'Università di Mosca e l'Università del Salento.
Durante l'incontro, l'assessore Cirasino, ha presentato alla delegazione russa un progetto riguardante il distretto agro-alimentare di qualità dell'area jonico salentina, nell'ambito del PIT 8, riservato proprio al territorio russo, per quanto concerne le due produzioni tipiche di eccellenza del Salento: olio e vino. Gli obiettivi possono riassumersi nella realizzazione di interrelazioni stabili sia a carattere istituzionale che tra gli operatori economici; la creazione di opportunità di marketing ed eventi per promuovere l'area jonico salentina; ottenere la massima esposizione promozionale per il sistema di offerta agroalimentare del distretto, attraverso il coinvolgimento dei consumatori, degli operatori del settore e dei ristoratori.
A conclusione dell'incontro la delegazione ha proseguito la visita spostandosi presso il comprensorio della Cittadella della Ricerca.

Fonte: Aise