Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Col Progetto Agrokovar prendono il via nuove forme di collaborazione tra imprese agricole e agroalimentari di diverse regioni italiane e la Croazia. Il Progetto -che è realizzato da Finest e Informest e che vede una importante partecipazione della Regione puglia e della Camera di Commercio di Bari- prevede un investimento di oltre 600.000 euro e avrà la durata di oltre un anno: sarà presentato oggi a Padova in un incontro al quale per la Puglia parteciperanno il vicepresidente della Regione, Sandro Frisullo e il presidente della Camera di Commercio di Bari, Luigi Farace. Saranno presenti il ministro dell'agricoltura della Croazia, Kobanovic e il presidente della Contea di Vukovar, Galic. L'iniziativa prevede lo sviluppo di un'attività di cooperazione tramite l'analisi e l'informazione sulle opportunità di investimento agevolato in Croazia utilizzando finanziamenti italiani e croati, in particolare per l'area Nord-Est di quel paese situata al confine con la Serbia e l'Ungheria, nella contea di Vukovar, al centro di una vasta pianura a forte vocazione agricola. Il Progetto consente di avviare iniziative a sostegno, in particolare, delle piccole e medie imprese agroalimentari di Veneto e Puglia e può contare, tra l'altro, sui positivi risultati già registrati in altre analoghe iniziative, proprio con la Contea di Vukovar, in particolare nel settore dell'agricoltura biologica.

Fonte: Quotidiano di Puglia (pag. 4)