Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}L'Italia, ''leader mondiale e' il luogo migliore per dare inizio alla terza rivoluzione industriale''. Ad affermarlo è il presidente della Foundation on Economic Trends Jeremy Rifkin che e' intervenuto alla Camera dei Deputati nel corso di una conferenza sulle nuove forme energetiche.

Infatti, ha spiegato il professore, l'Italia con la sua creativita' e le sue risorse puo' sviluppare piu' degli altri l'eolico, il solare, l'idroelettrico. Insomma ''e' l'Arabia Saudita delle energie rinnovabili. Fonti che devono essere sfruttate. L'Italia, che grazie alla sua posizione geografica puo' essere il portale naturale tra l'Ue e l'Africa”.

E nel nostro Paese arrivano segnali positivi a favore di nuove iniziative per la promozione dell'energia pulita e alternativa.

Si confronteranno ad Aosta - nell'ambito della mostra convegno 'Rigenergia', in programma dal 7 al 9 giugno - proprio le esperienze di eccellenza nel campo delle energie rinnovabili e del risparmio energetico realizzate non solo in Italia, ma anche in Francia, Svizzera, Germania, Austria.

Mentre in Basilicata si lavora ad una innovativa operazione di project financing per far sorgere entro giugno 2008 due nuovi parchi eolici in Basilicata, in grado di assicurare una produzione minima di energia rinnovabile pari a circa 60 GWh, e di rispondere al fabbisogno energetico di oltre 8000 famiglie. Un'operazione che evitera', tra l'altro, la dispersione nell'atmosfera di ben 42 mila tonnellate annue di emissioni di CO2.

fonte: regioni.it