Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

"Questo Progetto è per noi motivo di orgoglio, perché ci rende partecipi dell'avvicinamento dell'Albania in Europa, un passo fondamentale per la costruzione di un sistema sanitario moderno nel Paese delle Aquile".

Lo ha detto il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola alla presentazione a Roma del Progetto di Cooperazione Sanitaria "Albania e Puglia. Oltre la Sanità", inserito nell'ambito del Programma Comunitario Interreg IIIA, curato dall'ARES e in collaborazione con l'Assessorato al Mediterraneo.

"È la dimostrazione - ha continuato Vendola nel suo intervento - di una cooperazione trasparente ed efficace, con l'obiettivo di assicurare servizi sanitari che rispondano ad una effettiva domanda di salute che arriva dal territorio albanese". Sul tema dell'integrazione europea, Vendola ha sottolineato come "l'Albania e i Balcani sono una risorsa e non un problema. Io sogno un'Europa che inglobi la specificità di quest'area. Su questo mare crocevia di guerre e conflitti dobbiamo costruire ponti di dialogo e di pace. Noi pugliesi abbiamo sempre accolto a braccia aperte i nostri fratelli albanesi negli anni bui dell'emigrazione di massa. Ora – ha aggiunto - è il momento in cui mettere a loro disposizione il nostro know-how e le nostre strutture sanitarie. Questa è una cooperazione che punta a costruire percorsi di autonomia e non di sudditanza".

Infine, a proposito del Corridoio VIII Vendola ha concluso con l'auspicio che diventi "un progetto di costruzione di integrazione del vecchio continente. Il mare non deve essere un confine, ma un elemento per indurci alla curiosità dei nostri amici frontalieri. Anche per questo abbiamo voluto creare un Assessorato dedicato al Mediterraneo, proprio per vincere una ancestrale pigrizia culturale".

Fonte: Euroregion.net