Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Rapporti più stretti tra i due enti fieristici di Bari e Dakar, scambio di informazioni, espositori e visitatori, collegamenti con i Paesi delle rispettive aree geografiche, formazione. Sono questi i contenuti principali dell'accordo di cooperazione siglato ieri a Bari tra il Presidente della Fiera del Levante Cosimo Lacirignola e il direttore generale del Centro internazionale del commercio estero del Senegal (Cices) Papa Demba Diallo. Erano presenti all'incontro anche l'ambasciatore del Senegal a Roma Papa Cheikh Saadibou Fall e il console onorario del Senegal a Bari, Massimo Navach.
"Le relazioni di amicizia tra i due paesi sanciscono dal '66 -ha detto l'ambasciatore Saadibou Fall -che l'Italia è tra i sei partner più presenti nella collaborazione con il Senegal. Numerosi sono gli scambi di comunità, imprese e rapporti tra i due territori". Prosegue: "la firma dell'accordo è frutto di un lavoro precedente e può essere d'esempio per altri paesi dell'Africa nell'ambito di quella politica di scambi, cooperazione e pace che il nostro presidente sostiene". Spiega: "il nostro è un paese prevalentemente agricolo che ha avviato una politica di moralizzazione nei settori dell'alimentare e della pesca. Stiamo uscendo da un periodo di crisi. il nostro governo sta mettendo in atto iniziative che hanno l'obiettivo di rafforzare la piccola e la media impresa, ricorrendo a risorse locali e alle intese con partner stranieri".

L'accordo che avrà durata di 12 mesi rinnovabili, integra e completa il primo accordo tra le due Fiere che risale al 2003. "La Fiera del Levante guarda al Senegal -ha sottolineato Lacirignola- come base di partenza verso i paesi dell'Africa. Inoltre la maggiore valenza dell'accordo sta nella formazione tecnica, commerciale e di marketing, di cui giovani stagisti del Cices potranno usufruire presso l'Istituto agronomico mediterraneo di Valenzano". Conclude Lacirignola: "questa è la strategi avincente per sviluppare relazioni tra due paesi che vogliano conoscersi".
I due enti si impegnano così a scambiarsi informazioni in merito ai rispettivi calendari delle manifestazioni fieristiche, a fornire assistenza alle imprese senegalesi e italiane e a svolgere azioni di sesabilizzazione degli organismi e delle associazioni industriali pugliesi, italiane e senegalesi per un migliore utilizzo delle fiere.
La Fiera del Levante avrà a disposizione uno stand di 50 metri quadri nella fiera internazionale di Dakar, che può contare su 400mila visitatori e la partecipazione di oltre 50 paesi esteri. Afferma Diallo: "grazie alla collaborazione con Bari potremo realizzare una cooperazione dinamica nei settori dell'edilizia, della sanità, dell'agroalimentare, organizzare insieme eventi, consentire ai nostri funzionari di rafforzare le loro conoscenze puntando sugli stage e sulla formazione nel capoluogo pugliese".

Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno (pag. 7)