Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

I bambini del mediterraneo delle diverse culture, razze, religioni e modi di vita, si incontreranno anche quest'anno nella "Città bianca" dal 15 al 21 ottobre prossimo per una settimana sul tema "Un mare di giochie  di incontri con l'arte: i bambini coloranoil Mediterraneo".
Per questo momento è iniziata la preparazione della nona edizione della "Settimana dei bambini del Mediterraneo" e l'assessore alle politiche sociali (di Ostuni, ndr), Francesco Francioso e l'ideatore e coordinatore dell'iniziativa, il prof. Lorenzo Caiolo (con la collaborazione degli assessorati alla Pubblica Istruzione e quello alla Biblioteca e Turismo), sono già al lavoro per organizzare il complesso programma degli incontri, laboratori, convegni, animazione, spettacoli ed eventi tra bambini provenienti da diversi Paesi. Nell'ambito dei lavori preparatori e per procedere in modo coordinato e condiviso, si è svolto presso la Biblioteca comunale "Francesco Trinchera senior", un incontro nel quale si sono illustrati i modi di operare per organizzare la settimana. All'incontro hanno partecipato i rappresentanti dei comuni di Ceglie Messapica, S. Michele Salentino, San Pancrazio, San Vito dei Normanni, Locorotondo e Monopoli e alcuni dirigenti scolastici delle scuole dei comuni interessati sulla scia della grande partecipazione e delle esperienze positive che quest'iniziativa ha riscosso nelle passate edizioni.

Hanno dato la concreta adesione, l'Assessorato regionale al Mediterraneo e l'Assessorato provinciale alle Politiche sociali. Una settimana molto importante, dati i tempi che stiamo vivendo e che, come negli anni scorsi, sarà il modo per confrontarsi, parlare e stare insieme, per far crescere le nuove generazioni, ma anche per far incontrare le persone capaci di costruire relazioni durature di pace. Lo scorso anno questa settimana ha coinvolto circa 30mila bambini e ragazzi della Provincia di Brindisi e di quelle vicine. L'Amministrazione Comunale ostunese, tramite l'assessorato alle Politiche sociali, sin dall'ottobre del 1999 organizza la Settimana dei Bambini del Mediterraneo e in tutti questi anni, con cadenza annuale, ha rappresentato un appuntamento cardine e importante per l'approfondimento di tematiche legate alle motivazioni poste alla base della sua ideazione e realizzazione: "Educare alla muolticulturalità e all'interculturalità ponendo centralità del Mediterraneo, sul quale si affacciano numerosi popoli dalle differenti tradizioni culturali che nel corso dei millenni si sono fra loro più volte incontrati, scontrati e intrecciati; creare occasioni di incontri tra bambini provenienti dai vari paesi per scambiarsi e arricchire le reciproche esperienze". La fruizione dei momenti formativi per educatori e ragazzi incentrati su esperienze tematiche di alto contenuto socio-pedagogico, culturale e didattico, fornisce anche molteplici occasioni di incontro con esperti di livello nazionale e internazionale nel campo rivolto all'infanzia. Infine si è anche parlato della partecipazione all'iniziativa "Figuratevi" che si svolgerà dal 30 agosto al 2 settembre e che è organizzata dal Comune di Perugia nel capoluogo umbro.

di Aldo Guagliani

Fonte: Quotidiano di Brindisi (pag. 4)