Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}È stato definito "il confine mobile" e la sua storia è paradigma delle tragedie del XX secolo in Europa. È il confine tra Italia, Slovenia e Croazia. Il prossimo 4 giugno, a Trento, si terrà un seminario promosso da Osservatorio sui Balcani durante il quale verrà presentata la sezione on-line AestOvest e il DVD multimediale (Sala Rosa del Palazzo della Regione).



Lo scorso dicembre alla Transalpina, storica piazza di Gorizia divisa in due dal confine, si festeggiava. Finalmente, grazie all'entrata della Slovenia in Schengen, si poteva passare dall'una all'altra parte liberamente, senza esibire nessun tipo di documento.

Il cammino comune verso le istituzioni europee porta questi territori a ripensarsi, immaginare nuove relazioni, affrontare opportunità e sfide. Il passato però rimane vincolo e non risorsa e si è ancora lontani dal riconoscimento delle memorie e del dolore degli altri.

Chi vi abita sta vivendo anni intensi e cruciali. Per questo Osservatorio sui Balcani ha deciso di dedicare nel 2008 un'intera sezione del proprio portale a questo confine, con approfondimenti, interviste, videoreportage e gallerie fotografiche (http://www.osservatoriobalcani.org/aestovest). E a proporre su questo tema un DVD multimediale per le scuole medie superiori, realizzato da Osservatorio sui Balcani con il supporto dell'Unione Europea.

Il prossimo 4 giugno, a Trento, si terrà una giornata di lavoro aperta al pubblico durante la quale verrà presentata la sezione on-line AestOvest e il DVD multimediale. Gustavo Corni dell'Università di Trento, Joze Pirjevec dell'Università del litorale di Capodistria/Koper, Miran Kosuta dell'Università di Trieste e Sergej Roic responsabile della sezione slavistica della Zandonai editore discuteranno delle diverse narrazioni storiche e letterarie di questo confine. E su come ripartire per creare uno spazio culturale e politico comune.

I lavori verranno introdotti da Iva Berasi, assessore alla solidarietà internazionale della Provincia autonoma di Trento e Roberto Bombarda, Presidente del Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani.

L'evento verrà ripetuto a Trieste il prossimo 24 giugno.

La sezione dedicata al progetto "AestOvest", sul sito di Osservatorio sui Balcani: http://www.osservatoriobalcani.org/aestovest


{mosimage}  Programma



Per informazioni:

Osservatorio sui Balcani
Tel: 0464 424230
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
web: www.osservatoriobalcani.org


Fonte: Osservatorio Balcani.