Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}L'Assessore Silvia Godelli chiude edizione 2008 Biennale dei giovani artisti dell'Europa e del Mediterraneo con la conferenza stampa che ha lasciato il testimone agli organizzatori dell’edizione 2010 che si terrà a a Skopje, in Macedonia. Per la Regione ha partecipato l’assessore Silvia Godelli, per la BJCEM Luigi Ratclif, per la Fiera del Levante Cosimo Lacirignola e per il Teatro Pubblico Pugliese Carmelo Grassi.



Dopo i ringraziamenti di rito allo staff è stato il momento del bilancio, con i 700 artisti, i 250 ospiti internazionali e soprattutto i centomila giovani e meno giovani che per dieci giorni hanno affollato viali e padiglioni della Fiera del Levante visitando mostre, partecipando a concerti, convegni e rassegne. 50mila i metri quadri allestiti, 1200 opere d’arte, 25 reading, 40 film, 60 spettacoli di danza, teatro e musica, 24 workshop e 14 conferenze possono solo dare un’idea dello sforzo, senza contare i fuori programma.

“Ringrazio – ha detto la Godelli tra l’altro – Antonio Princigalli, direttore della Biennale, ma tutto l’ente Teatro Pubblico Pugliese che ha retto lo sforzo organizzativo, facendo sinergie e lavorando con passione e dimostrando di essere un ente che funziona. Anche la Fiera ha tarato la sua nuova mission con il potenziamento del partenariato artistico, una strategia che non andrà dispersa. Ci resta di questa edizione la convinzione di aver allestito una delle più grandi mostre d’arte contemporanea di tutti i tempi in Puglia e di aver lasciato nel cuore dei giovani artisti il nome di questa regione con un messaggio di pace e di civile convivenza. Messaggio che va oggi sempre più ribadito, soprattutto dopo aver visto lo splendido cabaret rom andato in scena venerdì, in questi giorni di inquietudini per popoli che hanno già subito stermini ma che devono subire dolori sempre profondi anche nella nostra Italia. Manifestazioni come la Biennale ci aiutano a dire "Mai più”.

fonte: www.regione.puglia.it