Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Con l’incontro di Piacenza, che ha avuto luogo l’11 luglio scorso,  si è concluso il ciclo di incontri del road show nazionale organizzato dall’ARTI - Agenzia per la Tecnologia e l’Innovazione della Puglia, di concerto con l’Assessorato regionale allo Sviluppo Economico e all’Innovazione Tecnologica e in collaborazione con Confindustria Puglia.

 

L’obiettivo dell’iniziativa era quello di favorire la conoscenza delle capacità imprenditoriali e scientifiche che caratterizzano alcune delle filiere dell’economia pugliese (agroalimentare, aerospazio, edilizia sostenibile, energie rinnovabili, meccatronica), illustrando inoltre il recente regolamento regionale sugli aiuti alle imprese e le opportunità per collaborazioni e localizzazioni produttive.

A Treviso per l’edilizia sostenibile, a Verona e Parma per l’agroalimentare, a Torino, Roma e Piacenza per l’aerospazio e la meccatronica, a Milano per le energie rinnovabili: queste le tappe e i temi oggetto degli incontri, a cui hanno preso parte sia esponenti locali dell’imprenditoria e della ricerca, sia rappresentanti istituzionali della Puglia e delle regioni ospiti che hanno sostenuto la promozione degli incontri.

Ottima l’accoglienza delle delegazioni pugliesi soprattutto in Piemonte, Lazio ed Emilia Romagna: dal confronto tra la Puglia e queste regioni è emersa una forte intesa tra gli esponenti delle rispettive filiere, in termini di affinità tra progetti di ricerca e attività produttive.

Nel complesso, l’esperienza del road show ha fornito spunti importanti per iniziative comuni. Nel corso di uno dei seminari tecnici (quello di Torino), che hanno complessivamente coinvolto un pubblico selezionato di imprenditori e ricercatori (circa 200 nei sette incontri), si è concretizzata, ad esempio, la prima reale promessa di collaborazione transregionale: è imminente, infatti, la firma di un protocollo tra il distretto dell’aerospazio piemontese e quello pugliese – il cui riconoscimento ufficiale è stato annunciato lo scorso 1 luglio dal vice presidente e assessore allo Sviluppo Economico della Puglia, Sandro Frisullo – a testimonianza di come fare squadra equivalga a potenziare le competenze e a stimolare la competitività.

Anche i comparti dell’agroalimentare e delle rinnovabili – in quest’ultimo la Puglia vanta una leadership nazionale di tutto rispetto – hanno fornito occasione di discussione tra imprenditori e ricercatori del centro-nord: con la recente costituzione del D.A.Re. -  Distretto Agroalimentare Regionale, la Puglia non solo ha dimostrato la presenza di una valida rete di ricerca pubblico-privata e di trasferimento tecnologico, ma ha dato spunti per la possibile adozione di buone pratiche anche nelle analoghe filiere delle regioni coinvolte.

Dopo questa prima esperienza pilota, che consentirà di tararne meglio la formula, il road show delle filiere tecnologiche pugliesi riprenderà in autunno, con nuovi incontri ed il coinvolgimento di altre regioni ospiti.

fonte: ARTI