Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

AGIRE POR: il 18 luglio a Bari la conclusione del Gemellaggio fra le Regioni Piemonte e Puglia attivato nel settore dell'internazionalizzazione delle piccole e medie imprese.



Il Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di coesione (DPS) del Ministero dello Sviluppo Economico (MSE) rende noto che, nell'ambito del progetto AGIRE POR promosso dalla Direzione generale per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del DPS e cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale dell'Unione europea, il 18 luglio 2008 si terrà a Bari la conclusione del Gemellaggio attivato, nel settore dell'internazionalizzazione delle piccole e medie imprese, fra le Regioni Piemonte e Puglia.

Il Gemellaggio, che ha visto come "Offerente", accanto alla Regione Piemonte, la Direzione Generale Promozione degli Scambi del Ministero dello Sviluppo Economico, già Commercio Internazionale, e, come Amministrazione di coordinamento, la Direzione Generale Politiche per l'Internazionalizzazione della stessa Amministrazione, ha avuto come principale obiettivo il trasferimento alla Regione Puglia di buone prassi relative all'organizzazione e alla gestione di servizi di supporto ai processi di internazionalizzazione delle imprese attivati dallo Sportello Regionale per l'Internazionalizzazione (SPRINT).

In particolare, le finalità del progetto sono state l'implementazione dei parametri di efficacia ed efficienza dei servizi erogati dallo SPRINT, il trasferimento di buone prassi relativamente al processo di internazionalizzazione regionale attraverso la messa in rete del sistema degli Sportelli per l'internazionalizzazione SPRINT, lo sviluppo dell'integrazione operativa tra le attività svolte dai soggetti partner, l'agevolazione dell'accesso degli operatori economici ai servizi promozionali, assicurativi e finanziari, di natura regionale, nazionale e comunitaria, al fine di garantirne la più ampia diffusione e l'eventuale integrazione con quelli offerti dai principali istituti di credito, la condivisione degli strumenti software specificatamente sviluppati per l'informazione e per l'attività assistenziale, il rafforzamento e la valorizzare delle forme di aggregazione consortile per la promozione dell'export come strumento di crescita del livello competitivo del tessuto produttivo locale.

fonte: Dipartimento per le Politiche di Sviluppo - MISE