Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 149 del 25 settembre 2008 il Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 886 del 24 settembre 2008, con il quale viene definito il sistema gestionale finalizzato a dare attuazione al Programma Operativo FESR 2007 – 2013.
Il Decreto costituisce un atto di organizzazione emanato in esecuzione della normativa comunitaria e regionale relativa allo stesso Programma Operativo FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale).

Esso identifica le varie strutture e figure coinvolte nell’attuazione del Programma, specificandone i compiti e il livello di responsabilità: Autorità di Gestione, Responsabile di Asse, Responsabile di linea di intervento, Responsabile di azione, Organismi intermedi, Autorità di Certificazione, Autorità di Audit, Autorità ambientale, Referente per le Pari Opportunità, Responsabile dei rapporti con il Partenariato.


Il sistema gestionale del PO FESR 2007-2013 così delineato risulta essere integrato con il nuovo assetto organizzativo della Giunta Regionale definito con Decreto del Presidente n. 161/2008.


Tutti i soggetti coinvolti nell’attuazione del Programma, a tutti i livelli di responsabilità, dovranno svolgere la propria attività secondo procedure e modalità che siano ispirate al raggiungimento di obiettivi specifici e misurabili, quindi valutabili, e siano improntate alla leale collaborazione e alla più ampia integrazione.