Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Due workshop su “Pianificazione, progettazione e realizzazione di reti ciclabili”  il 20 e 21 ottobre a Bari (sala convegni della Regione presso Fiera del Levante, padiglione 152) il  22 e 23 ottobre a Taranto.

Sarà l’Assessore ai Trasporti della Regione Puglia, Mario Loizzo, ad aprire le quattro giornate di lavoro sul tema “Reti ciclabili di area vasta: dalla pianificazione alla realizzazione” che si terranno a Bari nei giorni 20 e 21 ottobre prossimi  e a Taranto nei giorni 22 e 23 ottobre (sede della Provincia, Via Anfiteatro, 4).

L’iniziativa, prima nel suo genere in Puglia, organizzata in collaborazione con la FIAB, rientra tra le attività aggiuntive di Assistenza Tecnica del progetto CY.RO.N.MED - Cycle Route Network of the Mediterranean - (Rete Ciclabile del Mediterraneo), approvate e finanziate interamente con fondi PIC Interreg III B Archimed.

Destinatari dell’evento sono gli amministratori e i tecnici degli enti locali pugliesi impegnati nella pianificazione di area vasta.

“La Regione Puglia - dichiara l’Assessore Loizzo - dopo aver individuato per la parte pugliese i corridoi ciclabili della costituenda Rete regionale attraverso un primo studio di fattibilità, e dopo aver censito ferrovie dismesse e vie di servizio come quelle forestali di bonifica e dell’acquedotto che, essendo già strade interdette al libero transito di auto possono essere trasformate in vie riservate al traffico ciclistico e ciclopedonale, auspica che anche comuni e province inseriscano nei loro strumenti di pianificazione dei sistemi di reti ciclabili di ambito locale e sovracomunale”.