Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}L'Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia presenta a Bari un documentario sugli emigrati pugliesi dei primi dell’800 in Crimea, realizzato nell’ambito delle attività di Cooperazione Internazionale. Appuntamento venerdì 12 dicembre presso l’Hotel Villa Romanazzi Carducci (ore 11.00).



Promosso dalla Regione Puglia - Assessorato al Mediterraneo nell’ambito delle attività di Cooperazione Internazionale, il documentario “Puglia, oltre il Mediterraneo” ricostruisce le vicende della comunità pugliese di Crimea, nata a metà ‘800 a seguito di una emigrazione sostenuta dall’allora governo zarista.

A presentarlo venerdì 12 dicembre nel corso di una conferenza stampa che si svolgerà a Bari, presso l’Hotel Villa Romanazi Carducci (ore 11.00), ci saranno l’Assessore regionale al Mediterraneo Silvia Godelli, il giornalista Tito Manlio Altomare, autore del documentario, il dirigente del Servizio Mediterraneo della Regione Puglia Bernardo Notarangelo, gli storici Giulio Vignoli, docente all’Università di Genova e Luigi Masella, direttore del Dipartimento di Scienze storiche e sociali dell’Università di Bari.

Invitati anche l’Assessore allo sviluppo economico e innovazione tecnologica Sandro Frisullo, l’Assessore alla solidarietà, politiche sociali e flussi migratori Elena Gentile, il Direttore per l’area politiche per lo sviluppo economico, lavoro, innovazione Davide Pellegrino, il Presidente della Provincia di Bari Vincenzo Divella e i sindaci di Trani, Molfetta e Bisceglie, le città da cui si mosse il maggior numero di emigranti.

Realizzato sulla base di un anno di lavoro e di autorevoli consulenze di storici italiani, il documentario, finanziato con i fondi POR Puglia 2000-2006,  rientra nel progetto-iniziativa “Crimea e Kazakistan.oltre il Mediterraneo”, una tappa per arrivare a sviluppare il “Progetto-Paese Puglia-Mar Nero”, finalizzato ad aprire nuovi canali di sviluppo economico per le imprese pugliesi in un’area che si caratterizza come mercato in forte crescita, legato alla nostra regione poiché terminale della direttrice transeuropea del Corridoio VIII.