Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}L'arte contemporanea torna nei castelli di Puglia con la quarta edizione di Intramoenia/extra art, il progetto di valorizzazione dei monumenti pugliesi promosso dalla regione Puglia , Assessorato al Mediterraneo e Attività Culturali con la collaborazione dell'Associazione Eclettica Cultura dell'Arte di Barletta.



Per questa edizione Intramoenia/extra art fa tappa prima a Bari il 18 dicembre 2008 con "Il Terzo Paradiso" di Michelangelo Pistoletto e con
"Mama" Scultura Sonora di Gianna Nannini, e nella primavera 2009 a Barletta.

Il terzo Paradiso  di Michelangelo Pistoletto è stato creato nel 2005 all'isola di San Servolo, nell'ambito della Biennale di Venezia, a cura di Achille Bonito Oliva. A Milano presso il bunKerart, a cura di RAM radioartemobile, si è arricchito della significativa collaborazione di Gianna Nannini, diventando un lavoro a quattro mani, esposto successivamente al National Centre for Contemporary Arts di Mosca ed alla Scuola Nazionale di Bellezza di Minsk in Bielorussia.

Il terzo Paradiso giunge a Bari in una edizione rinnovata, creata ad hoc per gli spazi del castello svevo, utilizzando materiali tipici pugliesi.

L'opera parte dal Nuovo segno d'infinito, centro concettuale della mostra, dilatandosi, serigrafato su grandi lastre di alluminio in ripetizione seriale e continua in tutto lo spazio espositivo.

L'installazione centrale è composta da muretti a secco, tipici della tradizione rurale pugliese, dall'Orchestra di stracci - riferimento concreto all'opera realizzata da Michelangelo Pistoletto nel 1968 - e da "Mama" scultura vocale di Gianna Nannini, che si propone come collante sonoro dell'opera.

Personalità della cultura contemporanea diverranno testimoni dell'evento, insieme a musicisti e vocalist, invitati ad interpretare lo spunto melodico, emotivo, concettuale di "mama", nell'ambito del progetto "Il Terzo Paradiso" :Mama/Free-style Music" e della teoria che sostiene l'idea de "il Terzo Paradiso".