Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Inaugurata una sede operativa a Srebrenica per due progetti pilota: l’uno a sostegno della comunicazione per lo sviluppo sociale e culturale, l’altro per lo sviluppo rurale integrato e la rivitalizzazione del territorio.



È attivo da pochi giorni l’Ufficio della Cooperazione Italiana a Srebrenica, una sede operativa per facilitare l’implementazione, lo svolgimento e il monitoraggio di progetti finanziati dalla Cooperazione Italiana in Bosnia Erzegovina.

La nuova sede di via Reufa Selmanagica n°14 ospiterà, in particolare, il progetto pilota a sostegno della Comunicazione per lo sviluppo sociale e culturale e le azioni pilota per lo Sviluppo rurale integrato e la rivitalizzazione del territorio: il primo mira ad utilizzare la cultura come strumento utile per aumentare nei giovani la sensibilità verso i valori dell’integrazione e il dialogo, attraverso modelli formativi che favoriscano la coesione sociale e le opportunità lavorative; il secondo, invece, ha l’obiettivo di incrementare le produzioni agricole attraverso l’aumento delle competenze specifiche sui temi dello sviluppo rurale integrato, contribuendo in tal modo alla ripresa economica dell’intera area.

L’apertura della sede a Srebrenica, inaugurata dall’ambasciatore d’Italia in Bosnia Erzegovina Alessandro Fallavollita e dal direttore dell’ufficio per la Cooperazione Silvano Tabbò, rappresenta un passo importante anche per la municipalità di Bratunac, vista la realtà complessa e sensibile di entrambe le zone, aree di altri interventi della Cooperazione Italiana in gestione diretta o promossi dalle ONG. Alla cerimonia, infatti, oltre al sindaco di Srebrenica Osman Suljić, ha partecipato anche il sindaco di Bratunac Nedeljko Mlađenović.

Fonte: Cooperazione Italiana allo Sviluppo in Bosnia Erzegovina