Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}La Commissione europea ha annunciato che l’investimento sarà fatto a sostegno  dei “progetti verdi” durante il periodo di programmazione 2007-2013, nel quadro della politica di Coesione dell'Unione.

 

Una somma quasi tripla rispetto a quella stanziata nel periodo 2000-2006 e pari a 105 miliardi di euro è stata riservata dalla Commissione europea alla “economia verde”, nell’ambito delle politiche di Coesione territoriale, per il periodo di programmazione 2007-2013. Obiettivo di questa operazione è quello di favorire una crescita sostenibile, dando impulso nello stesso tempo all’occupazione e alla competitività delle locali economie.

I fondi saranno destinati a vari settori chiave: la gran parte sarà indirizzata ad aiutare gli Stati membri a rispettare la normativa ambientale comunitaria (54 miliardi), e  in particolare a migliorare la gestione di acqua e rifiuti (28 miliardi). Un investimento notevole (48 miliardi) sarà poi riservato alla realizzazione degli obiettivi europei nella lotta ai cambiamenti climatici e alla creazione di un’economia a basso consumo di carbone (in particolare, 23 miliardi di euro destinati alle ferrovie, 6 miliardi ai trasporti urbani non inquinanti, 4.8 miliardi per le energie rinnovabili e 4.2 miliardi per l'efficienza energetica).Una quota infine sarà dedicata alla promozione di prodotti e processi eco-innovativi e allo sviluppo di “tecnologie verdi” in particolare nelle piccole e medie imprese, con la conseguente creazione di nuovi posti di lavoro.

Fonte: Interact