Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}È rivolto a tutti i Paesi dell’Unione europea il bando “Cittadini attivi per l’Europa”, con l’invito a lavorare insieme per la costruzione di un’Europa unita pur nella sua diversità culturale. Scadenze da aprile a giugno 2009.



Fa riferimento al Programma “Europa per i cittadini” 2007-2013, il bando “Cittadini attivi per l’Europa”, con scadenze tra il 1°aprile e il 1° giugno 2009 e coinvolge tutti i Paesi dell’Unione europea nel progetto di costruzione di un’Europa unita, arricchita dalle sue diversità culturali e fondata su una comune identità di valori e storia.

Possono presentare proposte i soggetti operanti per la promozione della cittadinanza europea attiva, in particolare autorità e organizzazioni locali, centri di ricerca sulle politiche europee, gruppi di cittadini e altre organizzazioni della società civile, quali ONG, istituti di istruzione, sindacati, organizzazioni di volontariato, organizzazioni attive nel settore dello sport amatoriale.

Quattro i settori tematici verso cui le azioni devono orientarsi:
1. Cittadini per l’Europa (gemellaggi  di città, progetti dei cittadini e misure di sostegno);
2. Società civile attiva in Europa (sostegno strutturale ai centri di ricerca sulle politiche europee e alle organizzazioni della società civile a livello europeo; sostegno a progetti promossi da organismi della società civile);
3. Insieme per l’Europa (eventi di grande visibilità, studi volti a migliorare la comprensione della cittadinanza attiva a livello europeo, strumenti di informazione e diffusione);
4. Memoria europea attiva (preservazione dei principali siti, archivi e memoriali  connessi con le deportazioni e commemorazione delle vittime e di quanti salvarono i loro simili dall’olocausto).

Per approfondimenti: Guida al Programma