Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}“Lo sviluppo della Val d’Ofanto attraverso il buon uso dei finanziamenti della Programmazione 2007-2013” è il tema al centro del seminario in programma il 27 aprile, organizzato sulla base di uno studio portato a termine dall’EuroIDEES.

Uno dei primi progetti interregionali, il Patto Val d’Ofanto nasce con il Seminario di Lavello del 2005, grazie al lavoro del Partenariato per l’integrazione dei Corridoi Europei I e VIII e all’attività promozionale di EuroIDEES-European Association of Local and Regional Initiative for Economic Development Employment and Solidarity.

Proprio da uno studio promosso da EuroIDEES e dalle agenzie di sviluppo dei patti territoriali Agro Nocerino Sarnese e Nord Barese Ofantino  prende le mosse il Seminario in programma il 27 aprile 2009 a Melfi, presso il Centro Culturale F. S. Nitti, nel centro storico. Lo spunto di riflessione viene dalla possibilità di tradurre alcune indicazioni progettuali del Patto nella Programmazione 2007-2013.

L’intento, come si legge nel documento di presentazione del Seminario, è di “promuovere un processo di riflessione che possa portare, entro il 2009, alla sottoscrizione dell’Accordo di Programma interregionale del Patto per lo Sviluppo della Val d’Ofanto ed all’attivazione di specifici strumenti programmatici e finanziari, fra cui accordi di programma attuativi e contratti di programma, in grado di attivare i fondi europei, nazionali e regionali della programmazione 2007-2013”.

Agroalimentare, energie rinnovabili, beni culturali e naturali, rete ecologica e risorse naturali, sviluppo imprenditoriale secondo logiche di filiera e cooperazione territoriale: sono i settori cui si guarda per coglierne le opportunità di sviluppo. Su questo, nel corso del Seminario, avverrà il confronto operativo tra addetti ai lavori, tecnici e politici, rappresentanti delle categorie produttive e sindacali, agenzie di sviluppo territoriale, operatori privati, mondo accademico, della ricerca e della scuola. Ciascuno è chiamato a dare il proprio contributo attraverso lo scambio all’interno di gruppi di lavoro, per valorizzare progetti strategici e di immediata cantierabilità per lo sviluppo della Val d’Ofanto.

Tra gli interventi: il sindaco di Melfi, Alfonso Ernesto Navazio, i presidenti della Provincia di Potenza, Sabino Altobello e di Foggia, Antonio Pepe. Numerosi i contributi per le sessioni parallele dei gruppi di lavoro, cui parteciperanno referenti istituzionali, esperti e rappresentanti delle associazioni di categoria delle tre regioni coinvolte: Basilicata, Campania e Puglia. In particolare per il Gruppo di lavoro sulla Cooperazione territoriale europea farà da coordinatore Rossella Rusca, del Dipartimento Politiche di Coesione, del Ministero per lo Sviluppo Economico. Il seminario si concluderà con l’approvazione del Manifesto di Melfi per lo sviluppo integrato della Val d’Ofanto con relativo protocollo d’intesa.