Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Presentato il programma di “Idee a San Vigilio 2009”. All’inizio di agosto quattro giorni di incontri e dibattiti organizzati insieme alla Rappresentanza in Italia della Commissione europea.



Per alcuni l’obiettivo fissato in materia di ambiente e di energia dall'Unione europea è eccessivamente ambizioso, forse irraggiungibile. Per altri invece, è il caso del Nobel Carlo Rubbia, è ancora insufficiente per rispondere alle gravi emergenze con le quali il pianeta è ora costretto a fare i conti. L’Europa propone di tagliare del 20% le emissioni di gas serra, di risparmiare il 20% di energia e di soddisfare nello stesso tempo il 20% dell’attuale fabbisogno energetico grazie a energie alternative. Il tutto, appunto, entro il 2020. Sarà possibile centrare l’obiettivo? E l’Italia quali strategie sta adottando? A queste e ad altre fondamentali domande in tema di tutela dell’ambiente e di risparmio energetico proveranno a dare risposte tra il 3 e il 6 agosto gli esperti che interverranno alla seconda edizione di “Idee a San Vigilio”, manifestazione organizzata per il 2009 in collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione europea, ideata da Stefano Mascioni e condotta da Giorgio Zanchini, noto giornalista radiofonico che ogni mattina modera il dibattito che anima la trasmissione “Radio anch’io”, in onda su Radio Uno.

Secondo Martin Resch, giovane direttore dell’Apt della località ladina che ha presentato il programma, “Idee a San Vigilio” è “un talk show in alta quota, discreto e cortese come la verdissima valle che lo ospita, che quest’anno sarà completamente dedicato allo stato di salute del nostro ambiente, a come l’uomo e l’industria stiano considerando l’idea di rispettare il pianeta in cui viviamo, cercando di raggiungere gli obiettivi scelti dall'Ue e in futuro anche il paradiso delle emissionizero”. Martin Resch ha poi ringraziato durante una conferenza stampa i responsabili della Rappresentanza in Italia della Commissione europea per la disponibilità dimostrata a sostegno del progetto.

La seconda edizione di “Idee a San Vigilio” si aprirà il 3 agosto alle ore 17,30 nella sala manifestazioni con un incontro sul tema “Dopo Kyoto: il controllo delle emissioni” al quale interverranno Roberto Santaniello, portavoce della Rappresentanza in Italia della Commissione europea insieme a Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente, al campione di sci Manfred Mollg e a Sepp Kusstatscher, già rappresentante dei Verdi al Parlamento di Strasburgo. Al centro del dibattito ci saranno l’obiettivo fissato dall'Ue e la discussione in corso su questo tema negli Stati Uniti, responsabili di oltre il 30% delle emissioni del pianeta.

Il giorno successivo si parlerà dei comportamenti virtuosi che possono essere adottati partendo dalle diverse sperimentazioni in atto in Alto Adige. A riferirne saranno Renato Sascor, direttore del Parco naturale Fanes-Senes-Brais, Antonio Tamburrino, esperto di fama internazionale di programmazione territoriale, Luigi Bertone, direttore nazionale di Federparchi, lo scrittore Mario Rusca e Bruno Moretti, presidente della commissione che si occupa di energie alternative della Fia.

La tutela dell’ambiente: un buon affare?” è poi il titolo del dibattito in calendario per il 5 agosto durante il quale saranno chiamati a confrontarsi Enrico Pagliarini, caposervizio di Radio 24, Sole 24 Ore, Tiziano Marson, direttore del quotidiano “Alto Adige”, Norbert Lastschner, responsabile di “Casaclima” di Bolzano, Fabio Madaro, che dirige la rivista “Automobilismo” e Marco Roveda, fondatore di “LifeGate”. “La giornata – ha chiarito Martin Resch – avrà al centro il legame ormai evidente tra economia ed ecologia che ha in maniera profonda mutato anche le strategie di marketing delle aziende, diventate durante gli ultimi anni pienamente consapevoli che la crescita di attenzione verso il ‘verde’ può rivelarsi anche molto remunerativa”.

A chiudere il 6 agosto la seconda edizione di “Idee a San Vigilio” sarà il confronto sulle proposte dell’Europa in tema di lotta contro l’inquinamento. Ospiti della località ladina saranno Pier Virgilio Dastoli, direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, Gianfranco Fabi, direttore di Radio 24, Sole 24 Ore, l’economista Alberto Clò, Carlo Stagnaro, responsabile per l’energia e per l’ambiente dell’istituto di ricerca “Bruno Leoni” di Torino e un dirigente dell’agenzia per l’ambiente della provincia autonoma di Bolzano.

Fonte: European Commission.