Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Nel 2008 sono stati realizzati 72 nuovi partenariati, mentre per il 2009 ce ne sono in programma ben 70. Il twinning nasce con l'obiettivo di sviluppare una cooperazione più efficace tra enti locali europei in campo economico, sociale o culturale.



Il programma di gemellaggio, che nasce con la Comunità economica europea e che riceve un contributo finanziario dell'UE, sta riscuotendo un grande successo in Italia. Basti pensare che nel 2008 sono stati realizzati 72 nuovi partenariati, mentre per il 2009 ce ne sono in programma ben 70. Il twinning nasce con l'obiettivo di sviluppare una cooperazione più efficace tra enti locali europei in campo economico, sociale o culturale. L'Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa (AICCRE), sezione nazionale del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa, assiste i comuni italiani nella richiesta di gemellaggio e della successiva sovvenzione finanziaria UE.

Le richieste di ricerca partner degli enti locali negli ultimi anni si stanno orientando sempre più verso i Paesi dell'Est, da pochi anni membri dell'Unione europea. Per esempio la Polonia, la Romania e l'Ungheria, probabilmente anche per la presenza di immigrati delle suddette nazionalità nei nostri comuni. Anche se il primato delle maggiori richieste è appannaggio della Francia, seguita da Germania e Spagna. Sembra che le regioni più attive siano la Toscana e la Lombardia. “Forse perché ci sono più comuni – afferma la dott.ssa Vanbiervliet, responsabile delle relazioni esterne AICREE – il nostro compito, comunque, è di assistere l'amministrazione locale che ha fatto richiesta di un partner di un altro Paese. Una volta trovato, li mettiamo in contatto e, una volta confermata la disponibilità di entrambe le parti al twinning, assistiamo il comune in cui si svolgerà la cerimonia per siglare l'accordo. Solitamente alla cerimonia partecipano i sindaci, le autorità locali, le associazioni studentesche, i partiti politici e, nel corso dell'evento, sono previste iniziative finalizzate alla conoscenza delle politiche e delle attività dell'Unione europea”.

Per supportare al meglio i comuni e fornirgli informazioni sempre aggiornate e utili, dal 2007 è on line il portale Twinning, tradotto in 20 lingue. “Vogliamo che i gemellaggi si moltiplichino in Europa e non solo – continua la dott.ssa Vanbiervliet – Per ora la ricerca di gemellaggi è andata nella direzione di una affinità politica e culturale. Con questo portale vorremmo che venissero valutati altri criteri per avvicinare, ad esempio, un comune maltese e uno svedese”.

Fonte: Progetto Opportunità delle Regioni in Europa.