Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Presso l’Assessorato al Mediterraneo - Regione Puglia, la riunione del Comitato Esecutivo dell’Euroregione Adriatica: presenti l’assessore Godelli, Jakovčić, presidente dell’EA, i rappresentanti di Montenegro, Albania, Croazia e 3 regioni italiane.



“Finalmente a Bari una sessione dell’Esecutivo dell’Euroregione Adriatica (EA), la più importante in questo periodo, perché è quella che predispone e lancia i progetti condivisi sulla Programmazione IPA di pre-adesione”, così l’assessore al Mediterraneo Silvia Godelli, ha accolto presso la Mediateca dell’Assessorato i membri dell’Esecutivo convocati per discutere, tra le altre cose, della rosa di progetti da candidare ai bandi della nuova Programmazione comunitaria 2007-2013.

Al tavolo l’assessore in veste di presidente della Commissione Turismo e Cultura dell’EA, il  presidente in carica Ivan Jakovčić, presidente della regione istriana ed i rappresentanti di Montenegro, Albania, Croazia e di alcune tra le  regioni italiane parte dell’’EA: Molise, Friuli Venezia Giulia e Veneto. Al loro fianco il consigliere regionale Pina Marmo, in rappresentanza del Consiglio d’Europa.

Cinque le Commissioni tematiche costituite nell'ambito dell'Euroregione Adriatica, che si sono attivate su settori strategici quali turismo e cultura, attività produttive, pesca, tutela dell'ambiente, trasporti e infrastrutture, ciascuna coordinata da una regione diversa, con la supervisione del Comitato Esecutivo. 
 
“Le Commissioni hanno lavorato e ciascuna ha fatto delle proposte - ha sottolineato Jakovčić -  sta alla nostra intelligenza ora non entrare in concorrenza né sovrapporci, ma al contrario lavorare per integrare i progetti simili, mettendo in collegamento istituzioni, università e camere di commercio. Questo deve essere il compito delle regioni, in particolare di quelle italiane da cui viene l’80-90% delle proposte: fare coordinamento e soprattutto sostenere i progetti che interessano il maggior numero di paesi, se non tutti quelli dell’Area adriatica”.

I lavori si sono conclusi con il sì dell’Esecutivo alla richiesta della Regione Emilia Romagna per la costituzione della Commissione Welfare e con l’ammissione della Prefettura di Thesprotia in Grecia in seno all’EA, che quindi passa a quota 26 membri tra governi regionali e locali. Prossima tappa, la V Assemblea dell’Euroregione Adriatica, che si svolgerà a Spalato, il 23 ottobre 2009.

Per approfondimenti sull’Euroregione Adriatica consulta la scheda a cura della redazione Europuglia ed il sito ufficiale .

{mosimage}

{mosimage}