Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il delicato dibattito sul burqa in Francia e' diventato rovente dopo che il commissario alla diversita' e all'uguaglianza Yazid Sabeg ha dichiarato che occorre piuttosto occuparsi ''dei veri problemi'': nove deputati Ump (il partito di maggioranza) della missione parlamentare sul velo integrale ne hanno chiesto le dimissioni, mentre il presidente della missione Andre' Gerin  e il suo relatore Eric Raoult hanno scritto al primo ministro François Fillon per protestare e denunciare le dichiarazioni ''fuori luogo'' sul dibattito aperto dai deputati.

La polemica e' scoppiata martedi', quando il quotidiano cattolico La Croix ha pubblicato un'intervista in cui il commissario di origine algerina afferma che il dibattito sul burqa potrebbe essere ''una nuova trappola tesa al nostro paese''. ''La confusione che ha provocato negli animi non fa che differire e perturbare il vero dibattito sui veri problemi che sono innanzi tutto economici e sociali '', ha detto. ''La crisi nei quartieri (degli immigrati, ndr) si aggrava, e le tensioni sociali sono al massimo, non c'e' piu' lavoro, non ci sono alloggi, il sistema scolastico e' carente... Occupiamoci di questi veri problemi: la polemica sul burqa riaprira' frustrazioni, antagonismi, razzismi, mentre occorre al contrario unire i francesi''.

Secondo Yazid Sabeg ''si puo' pensare quel che si vuole sul burqa, ritenere che sia regressivo o no, sono opinioni personali Non spetta allo Stato pronunciarsi sul modo di vestire dei francesi. Sara' proibito camminare in strada con le babbucce, o andare in spiaggia in monokini?''.

''Tali dichiarazioni mettono direttamente in causa il lavoro della missione parlamentare e si fanno beffe dell'uguaglianza dei sessi e la dignita' della persona'', affermano i nove deputati secondo i quali Sabeg ''non ha piu' la credibilita' per essere ministro della Repubblica e percio' deve dare le dimissioni''.  Nella lettera a Fillon, Gerin e Raoult affermano che Sabeg mette in dubbio non solo la validita' della missione, ma anche la volonta' dei parlamentari di lavorare serenamente con uno sguardo obiettivo sul problema del burqa.

Composta di deputati dei quattro gruppi politici dell'assemblea, la missione istituita all'inizio di luglio ha avviato una serie di audizioni per ''aprire un dialogo'' sul velo integrale in Francia. (ANSAmed)