Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il ministro delle Finanze serbo, Diana Dragutinovic, ha annunciato che 14 mila persone saranno licenziate nel settore pubblico, aggiungendo che questa cosa tuttavia non influira' sulla qualita' e l'efficienza del lavoro.

I risparmi di bilancio - ha aggiunto il ministro in una intervista al quotidiano Press - si potranno constatare gia' dal prossimo anno.

I ministeri degli Esteri e dell'Agricoltura hanno gia' cominciato con il piano di licenziamenti, ha precisato Dragutinovic, secondo cui il suo dicastero prendera' una decisione al riguardo lunedi' prossimo.

Il governo serbo, per combattere il deficit di bilancio, ha deciso di operare con risparmi e riduzioni di organici nella pubblica amministrazione piuttosto che aumentare le tasse e l'Iva. Una decisione questa accettata dal Fondo monetario internazionale (Fmi), una cui delegazione tornera' a Belgrado in ottobre dopo una prima missione a fine agosto. (ANSAmed)