Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il principato di Monaco, sulla ''lista grigia'' dei paradisi fiscali istituita in aprile dal G20, ha concluso un accordo con l'Austria che prevede lo scambio di informazioni fiscali tra i due Stati.

Secondo una fonte ufficiale del governo monegasco, lo scambio avverra' ''caso per caso e su domande concrete e fondate e non autorizza in alcun caso la pesca generale alle informazioni''.

L'accordo e' stato firmato dal consigliere del principato per le relazioni esterne e gli affari economici e finanziari, Franck Biancheri, e dall'ambasciatore d'Austria a Monaco, Hubert Heiss.

Il principato di Monaco ha gia' concluso accordi analoghi con numerosi Stati, tra cui gli Usa, il Belgio, il Lussemburgo e San Marino. In aprile il G20 aveva istituito una ''lista grigia'' degli Stati che si sono impegnati a rispettare le regole dell'Ocse ma che ''non le hanno ancora sostanzialmente applicate''. Nella lista figura Monaco, che fino ad ora comunicava informazioni sui conti degli stranieri soltanto alla giustizia di Paesi terzi e unicamente nell'ambito di una commissione rogatoria e non alle amministrazioni fiscali. (ANSAmed)