Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Presentata l’Euro-Mediterranean University, in occasione della Fiera del Levante di Bari. Tra i promotori: Comunità delle Università del Mediterraneo, Università degli studi di Bari e del Salento, Università degli studi di Foggia, Polo Euromediterraneo Monnet.



In occasione della Fiera del Levante di Bari (stand del Consiglio regionale) è stato presentata l’Euro-Mediterranean University. L’iniziativa è stata promossa da EMUNI, Comunità delle Università del Mediterraneo – CUM, Facoltà di Lingue e Letterature straniere dell’Università degli studi di Bari e del Salento, Università degli studi di Foggia, Polo Euromediterraneo Jean Monnet.

“Ad un anno di distanza, abbiamo vinto la sfida legata alla cooperazione universitaria euro mediterranea – ha commentato Cosimo Notarstefano del CUM – Abbiamo dato avvio alla prima edizione di un master conforme ai regolamenti comunitari vigenti, con sede principale in Slovenia, cui sono collegati corsi estivi, alta formazione, dottorati di ricerca e seminari”.

Significativo, tra i vari interventi, quello di Vincenzo Coniglio, coordinatore del settore internazionalizzazione delle Università, del Ministero Affari Esteri: “L’università ha un ruolo primario nello sviluppo economico e sociale, specialmente nel Meridione, in quanto è l’istituzione atta a formare i futuri leader e dirigenti che assicureranno a noi tutti una migliore qualità di vita. In un’ottica di <<glocalizzazione>>, in cui l’internazionalizzazione nasce dalle comunità locali, è rilevante l’opera <<Il processo di Barcellona: dal partenariato euromediterraneo al dialogo interculturale>> di Notarstefano”.

Fonte: Regione Puglia.