Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Organizzate dall'Associazione Time Zones di Bari e sostenute dall'Assessorato regionale al Mediterraneo e Attività Culturali, il 31 ottobre partono sette giornate dedicate alle musiche per il cinema. L'evento è alla 24^ edizione.



Time Zones, sin dai suoi esordi, ha contribuito a dare cittadinanza nell’ “Olimpo della musica” ai compositori di colonne sonore. Può sembrare fantascienza, ma proprio qui a Bari, in questa rassegna nel 1990, Ennio Morricone ha tenuto una delle prime direzioni delle sue musiche da film in concerto, non senza i mugugni di chi all’epoca riteneva questo”genere” non degno di grandi attenzioni.

A partire dal 1986 il festival ha quindi ospitato, spesso in veste di “poco noti”, molti di questi autori prestati al cinema, e tra questi alcuni diventati poi ”molto noti”: NYMAN, GLASS, SAKAMOTO, M. ISHAM, D. DARLING e tanti altri che pur non pervenuti al grande successo si son rivelati determinanti per una nuova definizione del rapporto immagini-musica.

In questa XXIV edizione il festival intende esplorare il rapporto attuale tra musica e cinema, ospitando alcuni tra i più importanti autori di ultima generazione:
da TERENCE BLANCHARD il trombettista di New Orleans autore di quasi tutte le colonne sonore per Spike Lee al giovane e pluripremiato TEHO TEARDO(David di Donatello nel 2009 con le musiche del vincitore di Cannes 2008 IL DIVO), passando poi per due grandissimi come WIM MERTENS (compositore per Greenway) e DAVID DARLING (autore per Godard e Wenders).

Nel programma sono inoltre previste le sonorizzazioni dal vivo di due capolavori di grandi maestri: “I was born,but...” di Y.OZU e “Que viva Mexico” di S. EISENSTEIN.

Nel finale una serata di musica, immagini ed action painting costruita intorno ad alcuni personaggi che a vario titolo hanno contribuito a stravolgere il rapporto tra suoni ed immagini: l’Irlandese DAVID HOLMES, dj e remixer di razza prestato ad Hollywood, dove ha curato soundtracks importanti (Out of Sight, Ocean’s Eleven, Confessioni di una mente pericolosa) e due guru del dub: LEE PERRY ed ADRIAN SHERWOOD. Insieme a loro anche il regista e vj di origini giamaicane DON LEETS, storico autore di film sul Punk e compagno di strada dei Clash (per i quali ha diretto film e video).

Allegato: Programma

Fonte: Time Zones 2009.