Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



Sostenere le iniziative lanciate dall'Unione per il Mediterraneo e sensibilizzare il settore privato e la societa' civile a implicarsi nella cooperazione, decisiva per il futuro della regione. 

Con questi obiettivi si svolgera' dal 2 al 6 novembre prossimi a Barcellona la terza Settimana Mediterranea dei leader economici, organizzata dalla Camera di commercio, industria e navigazione di Barcellona, dall'Associazione delle Camere di commercio del Mediterraneo (Ascame), in collaborazione con la Banca europea di investimenti e col programma europeo Invest in Med. Si tratta di un incontro di alto livello fra le delegazioni del paesi del Mediterraneo per sondare le opportunita' di una piu' stretta cooperazione in ambito economico fra l'Unione Europea e i paesi rivieraschi, alla luce delle priorita' individuate dall'Unione per il Mediterraneo. 

Nell'ambito della Settimana, informano ad Ansamed gli organizzatori, si svolgera' il 2 e 3 novembre, sempre nella Casa Llotja del Mar, a Barcellona, la sesta edizione del Forum di Sviluppo di Business del Nord Africa (Nabdf), che avra' Tunisi come invitato d'onore, rappresentata dal ministro per l'industrial, l'energia e le Pmi, Afif Chelbi. Il Forum mira al rafforzamento della cooperazione economica, nell'attuale situazione di crisi globale, in settori chiave per lo sviluppo della regione mediterranea, quali l'industria automobilistica, quella tessile, le telecomunicazioni, il settore bancario e quello sanitario, facilitando gli scambi commerciali e le opportunita' di business. 

Nell'ambito della Settimana Mediterranea, l'Ascame ha indetto per il 5 e 6 novembre il Primo Furum delle donne imprenditrici dei Paesi del Mediterraneo, in cui saranno a confronto iniziative pubbliche e private e saranno discussi temi come l'alto costo della bassa partecipazione femminile nell'economia; la visione delle donne nei business; le donne nei campi della tecnologia e dell'educazione e il ruolo delle associazioni
internazionali nella promozione delle donne in economia. (ANSAmed)