Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Si è concluso con successo il primo trapianto di rene da vivente effettuato a Tirana, presso l’Ospedale Madre Teresa di Calcutta, nell’ambito del Programma Interreg IIIA.


Da padre a figlia: così il primo trapianto di rene da donatore vivente effettuato in Albania presso l’Ospedale Universitario Madre Teresa a Tirana.  Protagonisti, una ragazza di 19 anni e suo padre che le ha donato un rene. L’intervento, svoltosi nei giorni scorsi, rappresenta il coronamento di un grande ed appassionato sforzo di collaborazione tra autorità politiche ed operatori sanitari albanesi e pugliesi nell’ambito del Programma di iniziativa comunitaria Interreg IIIA Italia-Albania - una giornata storica per la sanità albanese, impegnata nel processo di integrazione nella Comunità Economica Europea.

Al trapianto hanno assistito i medici del gruppo trapianti dell’Università di Bari e i dirigenti dell’Agenzia Regionale Sanitaria della Puglia. Il Ministro della Sanità albanese Anila Godo ha espresso il sentito ringraziamento a nome del governo albanese al Presidente Nichi Vendola ed agli assessori Silvia Godelli (Mediterraneo) e Tommaso Fiore (Politiche per la Salute), che hanno consentito lo sviluppo dei rapporti di collaborazione tra la Regione Puglia e l’Albania.

Promosso dalla Regione Puglia e gestito dall’A.Re.S. Agenzia Regionale Sanitaria, il Progetto è nato con l’obiettivo di potenziare e qualificare l’offerta di servizi nel sistema socio-sanitario albanese, anche in vista dell’ingresso del Paese in Europa, previsto per il 2014. Tra le linee di intervento, oltre all’avvio di un programma di trapianto di rene da donatore vivente, figurano: l'attivazione di un Osservatorio epidemiologico per il monitoraggio delle affezioni maggiormente diffuse nella popolazione albanese; l'avvio di un programma di diagnosi precoce dei tumori della sfera genitale femminile; il trasferimento di know-how per formare e riqualificare il personale sanitario e amministrativo ai fini della creazione di un Sistema Informativo Sanitario e della definizione di un modello organizzativo contabile moderno.