Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



Ad oltre sei mesi dalla costituzione del governo di Benyamin Netanyahu, la popolarita' del Likud e' in netta ascesa mentre precipita quella dei
laburisti, il partito del ministro della Difesa Ehud Barak.   Secondo un sondaggio pubblicato oggi da Yediot Ahronot il Likud riceverebbe oggi 33 seggi (su un totale di 120), ossia sei in piu' rispetto alle elezioni del febbraio scorso. I centristi di Kadima sono confermati a 28 seggi, mentre i laburisti calano da 13 a 7 deputati. Retrocedono cosi' alla quinta posizione, preceduti anche dagli ortodossi di Shas e dai radicali di destra
di Israel Beitenu (Avigdor Lieberman).

Questi dati sono probabilmente collegati alle critiche verso Barak per il dispendio di ingenti fondi pubblici durante una visita di lavoro a Parigi e alle critiche politiche rivolte nei suoi confronti da Daniel Ben Simon, il capo della lista parlamentare laburista che ha appena rassegnato le dimissioni.

In termini generali, gli israeliani sostengono il governo Netanyahu. Il 60% ha una buona opinione della sua politica estera e delle sue capacita' nella difesa.

Il 41% pensa che Netanyahu sia attualmente il personaggio politico piu' indicato per il ruolo di premier, mentre il 31% vorrebbero al suo posto la leader di Kadima Tzipi Livni. Solo il sette per cento preferirebbero Barak come primo ministro. (ANSAmed)