Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Martedì 3 novembre (ore 21 - cinema Nuovo Orfeo di Taranto), proiezione in anteprima regionale di “Marpiccolo”, il nuovo film di Alessandro di Robilant, girato interamente a Taranto e sostenuto dall’Apulia Film Commission. 


L’Apulia Film Commission comunica che domani, martedì 3 novembre alle ore 21.00 al cinema Nuovo Orfeo di Taranto, sarà proiettato in anteprima regionale il film “Marpiccolo” di Alessandro di Robilant. Alla proiezione del film, presentato in anteprima nazionale alla quarta edizione del Festival Internazionale del Film di Roma nella sezione “Alice nella città”, parteciperanno: Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, Silvia Godelli, assessore regionale al Mediterraneo, Silvio Maselli, direttore di Apulia Film Commission, il regista Alessandro di Robilant e gli attori protagonisti Maria Pia Autorino e Michele Riondino.

Il nuovo lungometraggio del regista Di Robilant, è stato prodotto da Marco Donati per Overlook Production, Rai Cinema e con il sostegno di Apulia Film Commission. Scritto da Andrea Cotti e Leonardo Fasoli, su ispirazione del libro “Stupido” scritto dallo stesso Cotti (Rizzoli editori), il film è interamente ambientato a Taranto nel quartiere Paolo VI, stretto tra la sagoma velenosa dell’ILVA e il profilo liquido del “Mare Piccolo”.

Strade dissestate, bus che non passano mai, case prefabbricate. Inutile cercare librerie, farmacie, centri commerciali, negozi: non c’è niente, e quel poco che c’è – bar, alimentari, officine meccaniche – è abusivo e illegale. In questo quartiere al limite delle condizioni di vivibilità vive Tiziano, un ragazzino che sogna soltanto di andarsene via. Tra scelte difficili, tradimenti e riappacificazioni, “Marpiccolo” è un racconto di dolore e amore nella città “dei due mari”. Ma anche un atto d’amore per una terra mai doma, capace di grandi redenzioni.

Fonte: Apulia Film Commission.