Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



La sentenza del Tribunale di Strasburgo che ordina la rimozione dei crocifissi nella scuola pubblica sara' tenuta in conto dal governo spagnolo nella futura legge sulla liberta' religiosa, secondo quanto assicurato dal ministro di Giustizia, Francisco Caamao, in dichiarazioni citate
oggi da media.

Tuttavia, la futura normativa resta per ora congelata in attesa di un momento politico opportuno, secondo fonti legislative citate oggi dal quotidiano Publico. E, in particolare, non ordinera' espressamente l'eliminazione dei crocifissi dalle aule pubbliche, ne' in quelle parificate e
religiose, protette dal Concordato fra Chiesa e Stato del 1979, che il governo Zapatero ha ripetutamente assicurato di non voler modificare.

Il ritiro dei simboli religiosi dalle scuole pubbliche e' gia' stato resto obbligatorio in Spagna da una sentenza del Tribunale Costituzionale del 1982. (ANSAmed)