Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



E' stata approvata per acclamazione la bozza del documento finale del vertice sulla sicurezza alimentare che si e' aperto oggi alla Fao a Roma. Il
documento prevede cinque azioni da mettere in campo per combattere la fame e chiede anche ai governi di assicurare ai Paesi in via di sviluppo i soldi promessi.

I cosiddetti ''5 Principi di Roma'' indicati nel documento prevedono innanzitutto di investire nei programmi di sviluppo rurale predisposti dai singoli governi. Altra priorita' indicata e' la necessita' di implementare il coordinamento strategico a livello nazionale, regionale e globale per migliorare la governance e promuovere una migliore collocazione delle risorse. Si passa poi a richiedere un  approccio 'binario' che prenda in considerazione un'azione diretta per sradicare la fame nelle popolazioni piu' vulnerabili e l'adozione di programmi a medio e lungo termine per eliminare le cause di fondo della fame e poverta'. Quindi la dichiarazione sollecita il rafforzamento della collaborazione tra i vari organismi che si occupano della sicurezza alimentare e, per ultimo, assume l'impegno di vigilare sul fatto che le promesse di aiuti si realizzino in concreto.

Su quest'ultimo punto la dichiarazione sottolinea in particolare come la realizzazione dei vari impegni di aiuto assunti dai governi - da ultimo nella dichiarazione del vertice del G8 a L'Aquila - sia ''cruciale''. Nelle righe finali della dichiarazione si afferma anche l'impegno a ''continuare a
studiare i fondamentali e le buone pratiche per promuovere investimenti responsabili nell'agricoltura internazionale''. (ANSAmed)