Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



Un'imbarcazione con a bordo 122 immigrati di varia nazionalita' e' stata intercettata stamattina dalla Guardia di finanza a pochi chilometri dalla
costa a Riace, nello Jonio reggino.

L'imbarcazione, dopo essere stata intercettata, ha tentato di allontanarsi, ma si e' arenata. Gli immigrati che erano a bordo si sono gettati in mare, ma sono stati successivamente recuperati e portati a riva. Tra di loro gli investigatori stanno cercando adesso gli scafisti.

Gli immigrati sono 74 uomini, 24 donne e 24 minori, tra cui una decina di bambini, di cui due di pochi mesi. Due donne in stato di gravidanza ed un uomo sono stati portati nell'ospedale di Locri, ma le loro condizioni non destano preoccupazione.

Secondo quanto e' stato accertato dalla Guardia di finanza, che sta svolgendo le indagini insieme a polizia e carabinieri, gli immigrati sono curdi di nazionalita' irachena, afghana, turca ed iraniana. Erano partiti da un porto della Turchia venerdi' scorso.

Gli immigrati sono stati portati in due strutture a Riace messe a disposizione dal sindaco, Domenico Lucano, in attesa di essere portate in un centro d' accoglienza. A Riace c'e' da tempo una forte presenza di immigrati che, su iniziativa del Comune, si sono stabilizzati nel centro della Locride creando una comunita' che si e' inserita nel contesto sociale. (ANSAmed)