Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



''Valorizzazione del patrimonio storico, artistico, letterario delle Minoranze etnico-linguistiche in Italia, un bene culturale da tutelare e valorizzare''. Cosi' Pierfrancesco Bruni, del Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali, illustra il senso della mostra, di cui e' curatore e che sara' inaugurata domani, a Grottaglie, sulla cultura degli italo-albanesi nel Regno di Napoli, su ''Arbereshe. Cultura e civilta' di un popolo''.

''Gli italo-albanesi - spiega Roberto Bruno, vicepresidente del Centro Studi e Ricerche Francesco Grisi - sono presenti in sette regioni dell'Italia e in dodici province. Il percorso che si e' voluto tracciare attraverso i luoghi, la memoria, i segni e le voci, attraversa la cultura arbereshe, grazie ad alcuni aspetti raggruppati in sezioni''. (ANSAmed)