Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Anteprima nazionale di “Ice Scream”, il nuovo cortometraggio firmato da due giovani talenti del cinema pugliese: Roberto de Feo e Vito Palumbo. Appuntamento domenica 22 novembre alle 11.30, nella sala 6 del multicinema Galleria a Bari. 



Due giovani registi pugliesi di talento, il barese Roberto De Feo e il bitontino Vito Palumbo, incrociano il loro percorso creativo e realizzano il cortometraggio “Ice Scream”.

Il film breve, realizzato in collaborazione con Tetraktys srl, Mtv Italia e coprodotto da Nicola Mossa e Dario Sardelli con il contributo dell’Apulia Film Commission, sarà presentato in anteprima nazionale, domenica 22 novembre alle 11.30, nella Sala 6 del Multicinema Galleria a Bari (ingresso solo per invito, prenotazioni: 331.496.09.49). Al termine della proiezione seguirà un incontro con i due registi e gli attori.

In venti minuti “Ice Scream”, ispirato a una storia vera accaduta in provincia di Bari nel 2008, racconta la vicenda di Micky (Damiano Russo), un ventenne dall’aspetto pulito e insicuro nei modi, che entra in un bar per comprare un gelato, ma si imbatte in due bulletti suoi conoscenti, Brando (Davide Paganini) e Alex (Alessandro Bardani). E’ solo l’inizio di una giornata che non dimenticherà mai.

E’ il quarto lavoro per il ventottenne De Feo che ha esordito nel 2004 con il cortometraggio “Vlora 1991”, dedicato allo sbarco degli albanesi a Bari, cui è seguito  “H5N1”, primo corto apocalittico made in Italy che affronta il tema all’aviaria. “H5N1” è risultato il cortometraggio italiano più premiato in America, vincitore del “Rhode Island International Film Festival”, uno dei dieci festival del circuito Academy of Motion Picture Arts and Sciences che conferisce ogni anno gli Oscar. Infine, “I nuovi mostri” in cui il regista barese affronta il tema tra bullismo e olocausto.

L’esordio del trentaquattrenne Palumbo, invece, è stato con il lungometraggio “35mm”, cui sono seguiti altri lavori tra film brevi, spot e documentari. Aiuto regista in tutti i precedenti cortometraggi di Roberto De Feo, quest’anno Palumbo ha diretto un documentario sull’ILVA di Taranto.

Fonte: www.apuliafilcommission.it