Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



Ancora dieci giorni a disposizione per la presentazione on line delle manifestazioni di interesse al secondo bando del Programma di Cooperazione Transnazionale South East Europe (SEE) che mette a disposizione un budget di oltre 50 milioni di euro. Si articola infatti in due fasi l'iter per la partecipazione al bando: nella prima i proponenti si limiteranno ad inviare una manifestazione di interesse solo in formato elettronico e attenendosi alle istruzioni contenute nelle linee guida scaricabili dal sito ufficiale; nella seconda fase poi chi sara' stato selezionato dal Comitato di monitoraggio dovra' presentare l'idea progettuale completa, sulla base di quanto e' contenuto nell'Application Package.

Il Programma SEE 2007-2013 coinvolge un'area molto ampia e complessa, in totale sedici Paesi: Croazia, Macedonia, Albania, Serbia, Montenegro, Bosnia Erzegovina, Moldova, Ucraina, Austria, Bulgaria, Romania, Grecia, Ungheria, Italia (Lombardia, Provincia Autonoma Bolzano/Bozen, Provincia Autonoma Trento, Veneto, Friuli-Venezia-Giulia, Emilia Romagna, Umbria, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia Basilicata), Slovacchia e Slovenia. Il suo obiettivo e' favorire la coesione, lo sviluppo integrato e la competitivita' di questo spazio territoriale, attraverso l'avvio di partenariati transnazionali ed azioni congiunte in settori di importanza strategica.

I progetti da candidare, di durata non superiore a 36 mesi, dovranno focalizzarsi su alcune priorita' e aree di intervento specificate nel bando, relative all'innovazione, alla prevenzione del rischio ambientale, alla gestione delle aree naturali e protette, alla promozione dell'efficienza energetica,
alla pianificazione delle reti di trasporto, allo sviluppo di strategie per affrontare il digital divide, allo sviluppo di piattaforme multimodali e alla promozione della cultura come fattore di sviluppo.(ANSAmed)