Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



Undici terroristi islamici sono stati condannati ieri sera a pene fino a 14 anni di reclusione dall'Audiencia nacional di Madrid per aver pianificato attentati kamikaze contro la metropolitana di Barcellona nel gennaio 2008.

L'attacco al metro' della capitale catalana era stato sventato grazie a una 'talpa' dei servizi segreti francesi, che aveva avvertito la polizia spagnola all'ultimo minuto.

Il capo della cellula - di cui fanno parte nove persone di origine pachistana e due indiani - l'imam Maroof Ahmed Mirza, 40 anni, accusato di avere pianificato gli attentati, e' stato condannato a dieci anni e mezzo di carcere.

Durante il processo ha deposto quale ''testimone protetto'' davanti alla Audiencia Nacional la 'talpa' che aveva permesso l'arresto del gruppo islamico.

La cellula di Barcellona era legata alle milizie talebane pachistane e a Baitullah Mehsud, il 'signore della guerra' ucciso l'estate scorsa da un missile Usa.(ANSAmed)