Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



Secondo i dati diffusi dall'Ente Turistico Croato, nel 2009 sono state registrate 10.750.318 presenze, il 3% in meno rispetto al 2008, mentre a crescere dell'1% sono stati i pernottamenti: in tutto 58.980.813.

A fare salire il numero di notti trascorse nelle strutture di ricezione croate sono stati i turisti stranieri (+1%). Quelli locali infatti hanno fatto registrare nella scorsa stagione un calo del 4%. In particolare, riferisce l'Ice di Zagabria, ad aumentare nel 2009 è stata l'affluenza di vacanzieri provenienti dall'Ucraina (+22%), dal Giappone (+11%), dall'Austria (+10%), dalla Polonia (+8%) e dall'Italia e dalla Germania (+2%). In calo, invece, i turisti in arrivo dalla Russia (-23%), l'America (-22%), l'Ungheria (-13%), la Bosnia Erzegovina (-9%), la Slovenia e la Gran Bretagna (-4%) e dalla Francia (-8%). Ad attirare il maggiore numero di turisti e a fare registrare il maggiore numero di pernottamenti sono state la contea istriana e quella di Licko-Senjska. (ANSAmed).