Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



Stimolare il dialogo tra israeliani e palestinesi per contribuire a superare lo stallo del processo di pace. E' con questo obiettivo che, negli stessi giorni della visita del premier Silvio Berlusconi in Israele, si e' svolto a Milano un seminario a porte chiuse che ha coinvolto personalita' ed esperti di sicurezza israeliani, giordani, palestinesi e di altri importanti Stati arabi, che hanno discusso sulla situazione e sulla necessita' di trovare nuovi approcci. L'incontro e' stato promosso dal Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente (Cipmo), e la sua realizzazione e' stata resa possibile grazie al contributo del Ministero degli Esteri, della Presidenza del Consiglio Comunale di Milano e della Fondazione Cariplo. I lavori sono stati coordinati dal direttore del Cipmo, Janiki Cingoli.

La delegazione giordana era guidata dal generale Mansur Abu Rashid, direttore dell'Amman Center for Peace and Development e gia' coordinatore dei negoziati per il trattato di pace con Israele.

Quella israeliana era guidata da Yair Hirschfeld, direttore di Economic Cooperation Foundation e negoziatore degli Accordi di Oslo, mentre a capo dei palestinesi c'era il generale Jibril Al-Rajoub, direttore del Palestinian Center for Strategic Studies e consigliere del presidente Mahmoud Abbas per la sicurezza. Diversi i punti sui quali e' stato registrato un accordo unanime, come ad esempio sulla necessita' di un approccio innovativo di tutte le parti interessate, e del superamento della divisione tra i palestinesi.(ANSAmed).