Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Segni di ripresa nell’ultimo Rapporto “Congiuntura Mezzogiorno”, stilato da ISAE, OBI e SRM. Pubblicato a gennaio 2010, rappresenta uno strumento indispensabile al servizio del territorio meridionale.

Un recupero in  tutti i principali settori produttivi, con punte massime nel comparto industriale e nei servizi di mercato; più ridotte nel commercio e nelle costruzioni: questo in sintesi registra il Rapporto “Congiuntura Mezzogiorno” per quanto riguarda l’indicatore di Clima Economico in Europa, nel IV trimestre 2009. Realizzato grazie al lavoro congiunto dell’Istituto di Studi e Analisi Economica – ISAE, l’Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza – OBI e  il centro Studi e Ricerche per il Mezzogiorno - SRM, il Rapporto rappresenta uno strumento indispensabile al servizio del territorio meridionale e degli operatori economici pubblici e privati. Esso fornisce infatti una rilevazione periodica corredata di dati e informazioni, utile a tracciare un quadro congiunturale sull’andamento dell’economia del Mezzogiorno.

Segni di recupero si colgono anche in Italia, dove l’indicatore di Clima Economico cresce da 89 a 95,3 sui massimi dal secondo trimestre del 2008 e segna  un forte balzo in avanti nel Mezzogiorno e nel Nord Ovest. Fiducia in salita, sempre nel Mezzogiorno e, anche qui, in modo  particolarmente marcato nell’industria e nei servizi, con aumenti più modesti nelle costruzioni ed una sostanziale stabilità nel commercio. L'ottimismo dei consumatori aumenta soprattutto nelle regioni meridionali e nel Nord Est, mentre la fiducia cresce più modestamente nel Centro ed è sostanzialmente stazionaria nelle regioni del Nord Ovest.

Guardando ai dati regionali del Mezzogiorno, dopo un terzo trimestre caratterizzato da un recupero a “macchia di leopardo” del clima di fiducia locale, nel quarto trimestre la ripresa si estende a tutte le regioni. Una crescita particolarmente intensa la registrano il Clima Economico dell'Abruzzo, della Calabria e della Sicilia, seguite per intensità della ripresa dalla Sardegna, dalla Puglia, dalla Basilicata e dalla Campania. L'indicatore elaborato dall'ISAE risulta infine sostanzialmente stazionario in Molise, dopo il forte balzo in avanti dello scorso trimestre. Solo nel settore manifatturiero si coglie un aumento più generalizzato della fiducia, con andamenti più omogenei nelle singole regioni e punte più intense in Basilicata e Abruzzo. In controtendenza Sardegna e Molise dove, rispetto ai livelli dello scorso trimestre, si registra una contrazione.

Per i dettagli sul Rapporto consultare i siti
Associazione SRM
ISAE
OBI